Sesto / Niente tasse comunali per chi porta l’azienda in città anche nel 2018: finora hanno aderito 4 imprese per 25 lavoratori

Prosegue l’esperienza di “Vado a Sesto”, il progetto nato nel 2015 per favorire l’insediamento di nuove attività produttive in città. Il progetto prevede l’azzeramento delle tasse locali per due anni alle imprese con almeno tre dipendenti che portano la propria attività e la mantengono in città per almeno cinque anni.

L’Assessore al Lavoro e Attività Produttive Virginia Montrasio ha illustrato in commissione consigliare i dati della prima fase del progetto e le proposte per il proseguimento dell’iniziativa: 4 sono le attività che hanno aderito finora per un totale di 25 lavoratori insediati.

Il progetto vado a Sesto – ha commentato Montrasio – è una parte del nostro progetto di marketing e promozione territoriale ed è strettamente legato all’attività di riorganizzazione, semplificazione delle regole e informatizzazione del Comune per venire incontro alle esigenze delle imprese, agevolare il loro insediamento e rendere più snella ed efficiente la burocrazia”.

Dopo l’integrazione del 2013 in un unico settore di SUAP, sportello commercio e urbanistica, nel 2014 sono state semplificate le procedure per i nuovi impianti pubblicitari e nel 2015 la variante del PGT ha snellito le regole di insediamento delle attività economiche e produttive. Nel frattempo, l’informatizzazione del SUAP ha portato nel 2016 ad effettuare 1.830 pratiche online, con un risparmio annuo stimato di 915 ore.

Negli ultimi anni a Sesto San Giovanni sono aumentate le attività ed i lavoratori – ha proseguito Virginia Montrasio – e il nostro progetto si inserisce in questo contesto. La nostra città ha caratteristiche che la rendono particolarmente attrattiva per le imprese, come ci hanno confermato le associazioni imprenditoriali e Promos-Camera di commercio intervenute nella commissione di ieri sera. L’impegno dell’amministrazione è quello di valorizzare costantemente questo patrimonio della nostra città”.

Le imprese attive a Sesto (dati Camera di Commercio) sono passate dalle 6.832 del 2011 (scese a 6.814 nel 2012) alle 7.020 del 2015 e alle 7.102 (fine settembre) del 2016. In crescita anche i lavoratori nelle imprese di Sesto: 23.051 nel 2014, 23.453 nel 2015 e 24.226 a settembre 2016. I lavoratori sestesi avviati (fonte Afol Metropolitana) sono passati dai 6.794 del 2013 ai 7.572 del 2015.

Vado a Sesto – ha concluso il Sindaco Monica Chittò – è un tassello di una politica dell’Amministrazione a favore del lavoro più ampia e complessa. Un insieme di attività che, unite all’attrattività della nostra città, ha consentito una crescita costante di imprese e occupazione a Sesto San Giovanni pur in un periodo difficile per l’economia”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s