PalinSesto, al via una stagione di concerti in vari luoghi della città dal 14 gennaio

Dall’associazione PalinSesto di Sesto San Giovanni riceviamo e pubblichiamo:

Sabato 14 gennaio 2017 alle ore 20.45 nella chiesa Beato Giovanni Mazzucconi a Sesto San Giovanni verrà inaugurata “ LES SARABANDISTES”, la stagione concertistica organizzata dall’associazione culturale PalinSesto.

Il cartellone della rassegna, consultabile su www.palinsesto.events, prevede dodici serate a cadenza quindicinale che si terranno in diversi luoghi della città. L’iniziativa è patrocinata dall’amministrazione comunale.

“Vorremmo valorizzare alcuni dei luoghi caratteristici della nostra città, – ha precisato la presidente  Erika Ripamonti – dal centro alla periferia. Sesto ha una storia industriale più recente e una storia più antica che ancora alcuni angoli conservano. È intenzione di PalinSesto mettere assieme l’antico e il moderno, nella scelta dei luoghi come in quella dei generi musicali e dei programmi, volutamente variegata e sempre di qualità”.

Ad aprire la rassegna sarà un concerto assolutamente inusuale sia per quanto riguarda l’organico strumentale sia per quanto riguarda gli autori e le musiche. Il duo  Ascaulae, composto da Alberto Bertolotti e Matteo Riboldi, è unito dall’idea e dalla pratica dell’utilizzo di strumenti muniti di canna, ancia e di un’otre d’aria che vengono utilizzati per produrre suoni. Di qui il titolo del concerto,  OTRI DI SUONI.

“Durante la serata del 14 gennaio” – spiega  Antonio Panzera, direttore artistico di PalinSesto – “potremo ascoltare Alberto Bertolotti esibirsi su diversi tipi di zampogna, uno dei quali, da lui denominato ‘Zampogna da concerto’ è stato fatto costruire appositamente da Piero Ricci, il ‘fuoriclasse’ italiano di questo strumento, in modo da disporre di potenzialità armonico-melodiche superiori rispetto alla zampogna tradizionale, che comunque in città e a ridosso della metropoli milanese è raro avere la possibilità di sentire. Oggi si è un po’ dimenticata la funzione aggregativa che strumenti di questo tipo hanno avuto in passato.”

Matteo Riboldi invece, anche lui polistrumentista nonché organista titolare della Cappella Musicale del Duomo di Monza, suonerà sull’organo appartenuto al maestro e compositore sestese Giancarlo Ghirardi, ma non mancherà di esibirsi alla fisarmonica e alle percussioni.

“Crediamo che questo concerto” – conclude il direttore artistico – “sia il modo migliore per dare avvio alla nostra rassegna sottolineando l’idea della fusione tra musica popolare e musica colta e tra antico e moderno.”

“Il nostro concerto” – scrivono gli Ascaulae – “sarà quindi un viaggio musicale nel tempo che partirà dal Medioevo per proseguire con alcuni brani del repertorio rinascimentale, barocco e perfino contemporaneo, accompagnando l’ascoltatore alla scoperta di sonorità insolite ed accostamenti timbrici che avranno come denominatore comune gli aerofoni a sacco.”

L’appuntamento dunque è sabato 14 gennaio alla chiesa “Beato Giovanni Mazzucconi” (via Marx, 450) a Sesto San Giovanni, alle ore 20.45.

Ingresso: 7 euro prezzo intero, 5 euro tariffa ridotta (under 26, over 65); gratis fino ai 14 anni“.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s