Sesto / Terrorista ucciso in stazione, si segue la pista dei soldi in contanti

Anis Amri, il terrorista tunisino ritenuto l’autore della strage ai mecati di Natale di Berlino che ha trovato la morte a Sesto San Giovanni il 23 dicembre, durante un conflitto a fuoco con la polizia, non aveva in tasca un centinaio di euro, ma oltre mille euro. I soldi, tutti in tagli da 50 e 20 euro, potrebbero essere stati prelevati da uno sportello Bancomat, da lui o un complice. Si tratta di un elemento in più che potrebbe aiutare a ricostruire i passaggi e gli eventuali contatti di Amri in Italia.

Nel frattempo, in segno di partecipazione al dolore che ha colpito il popolo turco per la terribile strage nel night club di Istanbul, anche il Comune di Sesto San Giovanni espone a mezz’asta la bandiera nazionale e quella europea.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s