Permessi di costruire, il Comune di Sesto ha incassato 6,53 euro per abitante nel 2014

Le autorizzazioni edilizie sono rilasciate con il pagamento di una somma che serve per portare i servizi nell’area di costruzione. Si tratta di entrate straordinarie per l’ente: nel 2014 la città che ha incassato di più è stata la capitale, seguita da Venezia e Milano.

Quando un cittadino o un’impresa intende fare un intervento edilizio che non sia di lieve entità, ad esempio costruire o ristrutturare un immobile, ha bisogno di un’autorizzazione da parte del comune: il permesso di costruire. Questo viene rilasciato in seguito al pagamento di una somma, variabile a seconda dell’intervento, che serve per finanziare le opere che l’amministrazione dovrà realizzare nelle aree ristrutturate o di nuova costruzione, per esempio per portare servizi come luce, gas e trasporti.

Negli ultimi anni la crisi dell’edilizia ha determinato un generale contenimento di queste entrate straordinarie per gli enti locali, ma esse rappresentano comunque una quota non marginale dei bilanci dei comuni, visibile su openbilanci.it, alla voce “permessi di costruire e sanzioni”. In questa sono compresi tutti i pagamenti che i cittadini e le imprese di costruzione versano all’amministrazione per ottenere l’autorizzazione a costruire o a modificare in maniera sostanziale un edificio sul territorio comunale. A queste si sommano le sanzioni per i ritardi nel pagamento, errori nella procedura oppure realizzazione di interventi diversi rispetto a quelli dichiarati nella richiesta del permesso.

Nel Nord Milano questa voce non sembra essere più così preponderante, complice il consumo di suolo del passato che ormai ha lasciato pochi spazi liberi e molte aree ex industriali e di uffici che vengono lasciate nell’abbandono per il fallimento di aziende, perché non ci sono capitali per riadattarle (soprattutto la remunerazione del capitale non è più quella del passato per questo tipo di operazioni) e anche le pubbliche amministrazioni latitano di buone idee di recupero. Comunque, al primo posto come incassi abbiamo Cormano, al 510° posto in Lombardia, con 27,15 euro pro capite; segue Paderno Dugnano all’805° posto con 16,8 euro a testa; Cusano Milanino è all’877° posto in regione con 15,01 euro per abitante. Cinisello Balsamo è al 1.107° posto lombardo con 8,99 euro per abitante; Sesto San Giovanni è al 1.196° con 6,53 euro. Chiude Bresso che nel 2014 non ha dichiarato incassi e si colloca al 1.395° posto (del resto la densità del costruito è la più alta del Nord Milano e tra le più alte d’Europa).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s