Sesto / Concorso per 5 designer: progetti per favorire la mobilità degli ipovedenti

Dall’associazione Lavoro e integrazione di Sesto San Giovanni riceviamo e pubblichiamo:

GIOVANE DESIGN PER L’AUTONOMIA DEI SUBVEDENTI

PROMOTORI

Associazione Lavoro e Integrazione ONLUS – Associazione Nazionale Subvedenti ONLUS

IN COLLABORAZIONE CON

Archivio Giovanni Sacchi – Magutdesign srl – Cluster srl

FINANZIAMENTO

Finanziamento del Piano EMERGO della Città Metropolitana di Milano.

PREMESSA

L’iniziativa si inserisce all’interno di un programma che ha lo scopo di supportare e favorire l’inserimento lavorativo e l’autonomia di persone disabili sensoriali. La presente call richiede ai giovani progettisti di mettere a disposizione dell’iniziativa la loro creatività e le loro idee.

FINALITÀ

L’accessibilità dell’ambiente urbano da parte delle persone subvedenti è una indispensabile condizione per il raggiungimento del posto di lavoro e per l’autonomia personale. Sebbene siano stati compiuti progressi rilevanti nella messa a punto di tecnologie assistive quali palmari, software ingrandenti, videoingranditori ecc., la mobilità autonoma delle persone ipovedenti richiede di integrare tra di loro la diffusione di queste tecnologie con una diversa e speci ca attenzione alla qualità dell’arredo urbano e degli elementi funzionali all’informazione e all’orientamento (segnaletica ecc.). Se in questo campo molto è stato fatto per rispondere ai bisogni dei non vedenti, non altrettanto avanzata è la messa a punto di soluzioni alle esigenze, che spesso sono totalmente differenti, dei subvedenti, pur se questi rappresentano statisticamente in Italia numeri quadrupli rispetto ai non vedenti (circa 350.000 persone non vedenti a fronte di oltre un milione e mezzo di persone subvedenti). Finalità dell’iniziativa è promuovere il coinvolgimento di persone subvedenti e di giovani progettisti per la messa a punto di soluzioni per favorire la mobilità autonoma in città delle persone subvedenti, da proporre ad amministrazioni pubbliche e imprese. Il percorso prevede incontri/workshop tra progettisti e utenti, la messa a punto di ipotesi progettuali derivanti dalla interrelazione tra giovani creativi e persone subvedenti, e una mostra delle soluzioni messe a punto.

LA SELEZIONE

La presente call è dedicata a selezionare 5 designer, architetti e creativi che non avranno ancora compiuto 35 anni alla data del 31.12.2016 e che siano laureati minimo con laurea triennale in design, architettura, scienza delle comunicazioni, o diplomati presso accademie d’arte o corsi post-diploma triennali di indirizzo design o comunicazione (ivi compresi coloro che conseguiranno il titolo entro il 31.07.2017).

La selezione avverrà sulla base della valutazione delle competenze ed esperienze.

IL PERCORSO

I progettisti selezionati:

  1. parteciperanno ad alcuni momenti di lavoro con un gruppo di utenti subvedenti per la prima de nizione dello scenario dei bisogni relativi alla accessibilità urbana. Tali momenti consisteranno in tre sopralluoghi presso diverse situazioni-tipo relative alla città (es. strada/piazza, pensilina autobus, ecc.) e ai “grandi contenitori di funzioni” (es. stazione ferroviaria/metropolitana, centro commerciale, uf cio pubblico) per l’analisi delle criticità.
  2. Sulla base delle risultanze degli incontri e dei sopralluoghi svilupperanno proposte relative a soluzioni facilitanti la mobilità autonoma urbana, attinenti a:
    • segnaletica informativa e di orientamento
    • percorsi: scale, marciapiedi, cordoli, scivoli ecc.
    • elementi funzionali dell’arredo urbano: transenne, paracarri, panchine, oriere ecc.
    Gli elaborati saranno progettati, ove auspicabile, in una ottica di integrazione e complementarietà con l’utilizzo delle tecnologie assistive.
  3. La fase di elaborazione sarà accompagnata da tre workshop, realizzati a cura dell’Archivio Giovanni Sacchi e da Magutdesign e rivolti ai progettisti e agli utenti disabili, dove valutare le soluzioni individuate e apportare ad esse gli eventuali correttivi.

LA MOSTRA

L’evento nale dell’iniziativa si terrà nel mese di giugno 2017 in un luogo emblematico per l’innovazione di progetto, l’Archivio Giovanni Sacchi di Sesto San Giovanni. La mostra sarà rivolta a un pubblico costituito da persone subvedenti, pubblici amministratori, imprese, professionisti, al ne di dare la massima visibilità alle analisi e alle soluzioni individuate e sensibilizzare i decisori pubblici e le imprese sull’adozione di queste soluzioni. La mostra, della durata di una settimana, proporrà:

1. esposizione dei materiali (fotogra e, testi) illustranti le risultanze dei sopralluoghi effettuati per l’analisi delle problematicità nelle situazioni-tipo relative alla città
2. esposizione delle tavole di progetto o altri materiali relativi alle soluzioni elaborate
3. incontro dibattito coinvolgente utenti disabili, progettisti, imprese, amministratori locali.

DOCUMENTI DA INVIARE

1_Domanda di ammissione formato A4 in PDF
2_CV formato A4 in PDF
3_Portfolio in PDF
Peso massimo totale degli allegati 5 MB. Entro due giorni lavorativi dal ricevimento verrà data conferma via mail al concorrente dell’arrivo dei materiali richiesti.

CONSEGNA

Le domande e i documenti dovranno essere inviati via mail entro il 23 gennaio 2017, data ultima di scadenza al seguente indirizzo: lavorointegrazione@cris.it.

AMMISSIONE

Una commissione di selezione, composta di rappresentanti di Associazione Lavoro e Integrazione ONLUS, Associazione Nazionale Subvedenti ONLUS, Archivio Giovanni Sacchi, Magutdesign srl e Cluster srl selezionerà a suo insindacabile giudizio i cinque progettisti sulla base dell’esame dei CV e del portfolio.

ELABORATI FINALI

Scopo della mostra sarà quello di presentare al pubblico le problematiche affrontate ed i progetti realizzati, al ne di promuovere il coinvolgimento di eventuali nanziatori per lo sviluppo dei progetti stessi. I progettisti selezionati si impegneranno a:

• collaborare alla realizzazione dei materiali (fotogra e, testi) illustranti le risultanze dei sopralluoghi effettuati per l’analisi delle criticità nelle situazioni-tipo relative alla città
• produrre per la mostra due tavole in formato 70 x100 (obbligatorie) più eventuali altri materiali (facoltativi) per la migliore presentazione in mostra delle proprie proposte progettuali.

RIMBORSO SPESE

Ai cinque progettisti selezionati verrà corrisposto un rimborso spese onnicomprensivo lordo di Euro 500,00 (cinquecento/00)”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s