Sesto / Proseguono le misure anti smog: temperatura in casa a 19 gradi e blocco della circolazione degli euro 0, 1, 2 e diesel 3 senza Fap

Blocco del traffico sì o no? Ni: alcune auto, infatti, da domenica 11 dicembre non possono più circolare (le più vecchie), va abbassato anche il riscaldamento a 19 gradi. Questo accade a Milano, Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e altri comuni.

Sulla comunicazione, tuttavia, bisogna un po’ tirare le orecchie al Comune di Sesto. Mentre sul sito del Comune di Cinisello in home page ci sono informazioni abbastanza chiare, su quello di Sesto c’è una riga e poi si rimanda ad una cartina dell’Arpa da ingrandire che non funziona su tutti gli smartphone e a volte pone problemi di visualizzazione sul computer. Come se non bastasse non riporta i nomi dei Comuni, se non con un ingrandimento tale che spesso e volentieri salta la visualizzazione, per cui bisogna conoscere parecchio bene la geografia per capire dov’è Sesto. Comunque per il momento nessun blocco del traffico: la cartina indica che il Comune di Sesto ha aderito alle iniziative di I° livello, che significa che si attiva se per 7 giorni consecutivi il PM10 supera il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo d’aria

I provvedimenti prevedono:

  1. blocco dei veicoli:
    benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2 dalle 7.30 alle 19.30 da lunedì a domenica, compresi i giorni festivi.
    diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato in grado di garantire un valore di emissione del particolato almeno pari al limite fissato per lo stardard Euro 4. In questi orari: per trasporto persone dalle 9 alle 17 dal lunedì al venerdì, per trasporto cose dalle 7.30 alle 9.30 dal lunedì al venerdì. Deroga: il divieto non c’è per i veicoli al punto C e D della delibera regionale 2478/14 e dei veicoli speciali definiti dall’art. 54 lettera f) g) e n) del Codice della Strada.
  2. Riduzione di 1°C del valore massimo della temperatura nelle abitazioni e nei negozi. Il valore massimo diventa quindi di 19°C, con tolleranza di 2°C. Deroga: il divieto non c’è per alberghi, pensioni, ospedali, cliniche o case di cura, ricoveri per minori, anziani, disabili, tossicodipendenti o altri soggetti affidati ai servizi sociali, piscine, saune, palestre, servizi di supporto alle attività sportive, edifici per l’attività scolastica, asili nido.
  3. Divieto di usare i generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non rispettano i valori previsti per la classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale.  Deroga: il divieto non c’è se questi generatori sono l’unica forma di riscaldamento.
  4. Divieto di fare falò, barbecue e fuochi d’artificio, di sostare con il motore della macchina acceso, di spargere liquami zootecnici.
  5. tenere le porte dei negozi chiuse il più possibile.

A Monza si è già passati al livello II.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s