Sesto / Al via sotto viale Fulvio Testi ai lavori per la connessione con l’acquedotto di Bresso

Chi passa da viale Fulvio Testi, nelle vicinanze dei lavori sull’acquedotto di Gruppo CAP, al confine tra Sesto San Giovanni e Bresso potrà sapere a cosa serve quel cantiere, quanto durerà, quante persone ci lavorano e altri dettagli dell’intervento. Per esempio scoprirà che non c’è stato bisogno di deviare il traffico grazie all’impiego di tecnologie no-dig, che permettono di lavorare nel sottosuolo senza bisogno di scavi a cielo aperto. E sapranno che, tra pochi mesi, i residenti di Bresso e Sesto San Giovanni potranno contare su un servizio di erogazione dell’acqua del rubinetto ancora più efficiente, grazie alla interconnessione tra i due acquedotti curata da Gruppo CAP. Lo spiegano gli striscioni posati mercoledì sulla recinzione del cantiere, alla presenza dei sindaci di Bresso Ugo Vecchiarelli e di Sesto San Giovanni Monica Chittò, del direttore generale di CAP Michele Falcone e della consigliera d’amministrazione Laura Barat.

Le reti di acquedotto hanno bisogno di manutenzione continua, grandi investimenti, professionalità e un’attenta pianificazione. Ma si lavora spesso sottoterra e quindi i risultati non sono facili da vedere. Quello che vedono i cittadini sono i cantieri aperti nelle strade dei loro comuni. Da questa considerazione nasce la campagna “Cantieri Partecipati” che, spiega Michele Falcone, “racconta l’impegno di Gruppo CAP nella gestione del servizio idrico integrato in oltre 200 Comuni. Un lavoro importante che si traduce in più di cento cantieri al giorno. Attraverso questa campagna di comunicazione, direttamente sul cantiere, vogliamo rendere trasparenti e tangibili i nostri investimenti e raccontare le soluzioni tecnologiche e innovative adottate per una gestione sempre più sostenibile del servizio idrico”.

Il cantiere in questione, realizzato grazie a una tecnologia che consente di lavorare senza rompere l’asfalto e interrompere il traffico, prevede la posa di una dorsale per interconnettere i due acquedotti comunali di Bresso e Sesto San Giovanni, allo scopo di migliorare il servizio. Il progetto da un milione di euro serve per potenziare le reti idriche dei due Comuni, che saranno entrambi avvantaggiati: la continuità del servizio idrico sarà garantita anche in caso di eventuali malfunzionamenti agli impianti di uno dei due.

La nuova dorsale di collegamento parte da via Clerici a Bresso, attraversa via Fulvio Testi andando ad allacciarsi all’acquedotto di Sesto San Giovanni. Oltre un chilometro di nuove tubazioni che garantiranno il passaggio di 70/80 litri d’acqua al secondo. Vista l’importanza della viabilità su viale Fulvio Testi, per attraversare questa grande arteria cittadina senza creare disagi o traffico e senza interrompere le corse del tram, i tecnici di CAP hanno scelto di utilizzare tecnologie cosiddette no-dig, cioè che non prevedono scavi a cielo aperto. Grazie alle tecniche del microtuneling e dello spingitubo sarà infatti possibile attraversare il viale creando un punto di ingresso da una parte e un punto di uscita dall’altra, mentre le auto potranno continuare a transitare sulla carreggiata.

I lavori sono iniziati a Giugno 2016 e si concluderanno a fine Febbraio 2017.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s