La lettera / “Si indice un concorso per 250 vigili del fuoco quando ci sono 3mila idonei in attesa dal 2008…”

Da un attento lettore riceviamo e pubblichiamo:

Gent.li Lettori, predicare bene e razzolare male è il nuovo dictat diffuso dalla quotidianità e mentre tutti si spendono per l’occupazione giovanile e cercano di impedire l’esodo di noi giovani all’estero, compreso il meglio delle nuove giovani menti, in realtà AVVIENE IL CONTRARIO.

Il sottoscritto che vi scrive, come altri 3.000 ragazzi e ragazze circa da tutta Italia, è da ben otto anni in graduatoria degli “idonei non vincitori” del concorso nazionale per 814 Vigili del Fuoco del 2008, attendendo invano di essere finalmente chiamati, ma il Ns Governo ha deciso di scartarci inventandosi un nuovo concorso, funesto e costosissimo, per 250 VVF, uscito il 15 Novembre scorso, subito prima del referendum (e non ci sembra una casualità). Ci chiediamo, ancora in questi giorni, se fosse strettamente necessario bandirlo, visto il periodo di difficoltà economico-finanziaria e sociale per le casse dello Stato in primis e con le risorse umane necessarie, pronte e felici di colmare il fabbisogno di personale?

Siamo molto preoccupati ed agitati, in quanto, nonostante tale ed unica graduatoria in vigore sarà prorogata fino alla fine del prossimo 2017, non è stato definito con puntualità e chiarezza lo scorrimento della stessa e quindi delle relative “assunzioni di noi Idonei civili VVF”. Oltre il danno di un altro ennesimo anno di agonia, la beffa per poi staccarci definitivamente la spina. Attendiamo e ci auspichiamo un riscontro positivo in merito, visto il danno irreversibile arrecato.

Oltre alla grande lentezza snervante in cui si è svolta l’assunzione degli idonei civili al concorso, s’è lottato anche contro i VOLONTARI (discontinui e categorie assimilate), con tutto il massimo ed umile rispetto, che pur non avendo mai concorso, ambiscono alle assunzioni dirette. Non è più ammissibile che noi Idonei stiamo rispettando la fila per entrare “dall’ingresso principale” e c’è qualcun altro che salta la coda ed entra dalla “porta di servizio”. Se non ci fosse stata quella “stabilizzazione di precari” di qualche anno fa, oggi la nostra graduatoria sarebbe stata esaurita completamente, come nella realtà e normalità si sarebbe dovuto procedere, ed oggi non si sarebbe creato questo trambusto, calvario e situazione imbarazzante.

Oggi, che l’Italia è minacciata dal terrorismo, ha gestito grandi eventi come il Giubileo o affronta l’emergenza umanitaria dell’esodo di massa di migranti, è distrutta da cataclismi e problemi idrogeologici e che servono come il pane tali professionalità, magari assorbendole direttamente e facilmente da un’onesta e logica graduatoria meritocratica, ci si inventa un nuovo concorso affossando definitivamente oltre 3.000 giovani e le relative famiglie in trepida attesa. Ci siamo inutilmente spesi per i sacrifici della prova concorsuale, spese di viaggio, preparazione teorico-pratica, ansie e quant’altro, nonché per la lunga attesa e questo è l’esempio tipico del pressapochismo e cattiveria umana di chi ci governa e dice di SPENDERSI PER L’OCCUPAZIONE GIOVANILE.

Gli standard europei prevedono un vigile del fuoco ogni mille abitanti, rispetto all’Italia in cui il disagio all’interno nelle Caserme è percepibile e visibile agli occhi di tutti i pompieri e cittadini! Come mai non si trovano i fondi per incrementare l’organico potendo attingere a costo zero dalla nostra graduatoria in vigore? È una colpa, aver partecipato ad un Concorso Nazionale ed essere risultati Idonei ma non vincitori, oppure viviamo in un mondo che non ci vuole più? Parliamo di circa tremila idonei, mica di numeri impossibili. Ci sembra quasi di dover elemosinare un lavoro, quando invece per noi è un sogno di una vita!

Abbiamo aspettato a lungo e continueremo ad aspettare in maniera “onesta e dignitosa” il nostro turno fino all’ultimo giorno. Ci auspichiamo che il 4 Dicembre, giorno di Santa Barbara, patrona del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ci porti una confortante quanto bella notizia per le sorti di noi Idonei dimenticati pur senza volerlo. Infine, speriamo e ci auguriamo che quest’ennesimo disperato appello, venga recepito ed accolto da chi di dovere e non, (Presidente della Repubblica, il Parlamento, il Governo, i Sindacati, i Mass Media, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le Associazioni di Categoria e tutta la Politica Nazionale) e che ci sia dato un segnale incoraggiante e determinato, scongiurando così la speranza di tantissimi giovani in cerca di occupazione di non dover essere costretti ad abbandonare i propri Cari e la propria Terra.

 Senza rancore, ma con sincerità: Cordiali e Distinti Saluti”

  • Idoneo Civile Concorso Nazionale ad 814 Vigili del Fuoco del 2008

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s