Azienda sanitaria ospedaliera del Nord Milano, per la riorganizzazione dei servizi territoriali bisognerà attendere il 2017

Qualche passo avanti nell’organizzazione ma rinviato al 2017 il destino dei servizi territoriali. Si può sintetizzare così la risposta data in Commissione dell’assessore alla Sanità, Giulio Gallera all’interrogazione presentata dalla vicepresidente del Consiglio regionale, Sara Valmaggi (Pd) sul riassetto dei presidi e dei servizi dell’Asst Nord Milano, interrogazione presentata a luglio.

Per le posizioni apicali vacanti (primariati)- spiega Valmaggi- solo quella di anestesia all’ospedale di Sesto San Giovanni sarà effettivamente coperta dal 16 dicembre prossimo. Per pediatria a Sesto San Giovanni, medicina interna, urologia, anestesia e neurologia al Bassini di Cinisello Balsamo sono state espletate le procedure concorsuali ma non sono state concluse e sono ciascuna a un diverso stadio del percorso. Per medicina interna e chirurgia generale a Sesto San Giovanni sono state attivate solo ora le richieste per la copertura degli incarichi, che però saranno vacanti già dal gennaio prossimo”.

Gallera– continua Valmaggi- ha anche parlato della necessità di sinergie e ottimizzazione, in particolare per i reparti di cardiologia e subacuti di Sesto San Giovanni e Cinisello. A questo proposito ho voluto evidenziare che le sinergie, pur necessarie, non devono andare a depauperare i servizi erogati direttamente ai cittadini e devono garantire una presa in carico omogenea su tutto il territorio”.

Il futuro dei servizi territoriali, come i consultori e i progetti sperimentali, quali quello di sostegno agli adolescenti in difficoltà e alle loro famiglie, attivo dal 2004 al Bassini, è rinviato al Poas (Piano organizzativo aziendale) che è ancora in fase di valutazione della Giunta e che, comunque, a detta di Gallera, sarà ridefinito nel 2017, quando, finalmente, anche i servizi sociosanitari saranno gestiti dall’Azienda socio sanitaria territoriale, come già accade da un anno nel resto della regione”.

Gallera– spiega ancora Valmaggi- non ha dato disponibilità a rivedere la normativa per accorpare all’Asst Nord Milano il territorio di Paderno Dugnano. Un’occasione mancata per rendere omogenei i servizi sanitari tra Municipi che da anni hanno sviluppato politiche comuni e che fanno parte dello stesso ambito della Città metropolitana”.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s