Sesto / Nidi comunali, accordo sulla stabilizzazione. Ma le educatrici precarie raccolgono firme al mercato

Nella mattinata di venerdì l’Amministrazione Comunale di Sesto San Giovanni ha raggiunto con la RSU e le Organizzazioni Sindacali un’intesa che avvia a soluzione la vertenza sulla stabilizzazione (ovvero la trasformazione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato) delle educatrici precarie degli asili nido comunali.

Vengono confermati fino alla fine dell’anno scolastico tutti i contratti a tempo determinato, dall’1 dicembre partono le prime stabilizzazioni di personale come previsto dalle norme della Legge Madia approvate questa estate. Entro il primo trimestre 2017, anche tenendo conto dei pensionamenti previsti e di una puntuale rilevazione delle presenze effettive dei bambini, si definirà il fabbisogno di personale sulla base del quale negli anni 2017 e 2018 il Comune stabilizzerà le educatrici precarie che hanno i requisiti previsti dalla normativa.

Esprime piena soddisfazione il Sindaco Monica Chittò, che osserva come “oggi si sia andati in continuità con la volontà sempre espressa di garantire la qualità dei nostri servizi educativi attraverso la valorizzazione del personale, che passa anche grazie alla stabilità del rapporto di lavoro“.

Sul tema interviene anche la Cgil: “Già dal mese di agosto infatti, su sollecitazione delle lavoratrici precarie, avevamo richiesto un incontro alla delegazione trattante di parte pubblica che però non aveva portato al risultato sperato. Non vi era infatti stata allora nessuna apertura rispetto alla stabilizzazione del personale precario e all’aumento del numero totale di assunzioni. Il protocollo siglato prevede diversi aspetti di garanzia per le educatrici e per il servizio. I punti fondamentali sono :

  • la proroga dal 1 dicembre fino al 4 di agosto di tutti i contratti a tempo determinato, e l’attuazione della delibera di giunta del 2 di agosto a far data dal 1 dicembre;
  • la garanzia del mantenimento del servizio a gestione comunale;
  • l’assunzione e la stabilizzazione di personale educativo fino a saturazione dei vuoti d’organico nei limiti temporali che la legge;
  • la non volontà da parte dell’amministrazione di modifica dell’orario di lavoro delle educatrici
  • l’esplicitazione che la rilevazione delle presenze chiesta alle educatrici ha il solo obiettivo conoscitivo e non ha scopi di riorganizzazione del servizio“.

 

Sabato 26 novembre 2016, tuttavia, le educatrici hanno organizzato un incontro in uno dei mercati sestesi, in particolare in via Puricelli Guerra ang. via General Cantore e all’angolo con via Stoppani, vicino alla pasticceria Farina.Saremo presenti dalle ore 9 alle 13 – scrivono nella pagina Facebook le educatrici dei nidi – per offrirvi un bicchiere di tè caldo e bolle di sapone per i più piccoli con la voglia di incontrarvi, fare due parole insieme e scambiare pensieri e idee sul servizio che abbiamo a cuore e su una cultura dell’infanzia che ci appartiene. Daremo l’avvio ad una raccolta firme che vuole essere simbolicamente l’espressione del sostegno dei cittadini in favore della stabilizzazione che stiamo chiedendo a gran voce da tempo“.

One response to “Sesto / Nidi comunali, accordo sulla stabilizzazione. Ma le educatrici precarie raccolgono firme al mercato

  1. Pingback: Sel e Pd di Sesto: “Bene l’accordo sulle educatrici dei nidi, ora tocca ai lavoratori cdd | Corriere di Sesto·

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s