Sesto / Penati lancia l’Assemblea Popolare’ il 18 novembre: “In campo per far vincere il centrosinistra, il Pd ci sta?”

La nostra volontà non è quella di essere ‘contro’ ma ‘per’ la politica, quella dei valori, della responsabilità e del fare coerente. La politica che al centro non ha ceti e interessi particolari, ma i cittadini e il bene comune. E questa politica ha bisogno della partecipazione più vasta e appassionata per riaffermarsi”. Con le parole di Filippo Penati, che in una intervista al Corriere della Sera rilancia l’idea di una coalizione di centrosinistra più ampia rispetto a Pd-Sel-Prc, la campagna elettorale a Sesto San Giovanni per le amministrative del 2017 si scalda proprio il 18 novembre.

Nello stesso giorno, infatti, si presenta il Comitato Promotore della ‘Assemblea Popolare’ (appuntamento dalle ore 18, alla Villa Visconti d’Aragona di Sesto San Giovanni, composto ufficialmente da Paolo Vino, Beniamino Bonardi (ex assessore della giunta Penati, Antonio Nitto (esponente di spicco del Geas), Claudio Zucchi (ex vicesindaco cacciato dal sindaco attuale Monica Chittò) e Davide Bana. Grande ‘sponsor’ è proprio Filippo Penati.

“I nostri valori di riferimento – spiegano i membri di Assemblea Popolare – sono quelli che hanno fatto di Sesto non solo Medaglia d’Oro della Resistenza ma anche laboratorio e modello di cultura progressista e democratica nel governo della vita pubblica. Oggi c’è il fondato rischio che tutto questo possa essere travolto da un’onda populista e di rancore politico, che farebbe scivolare indietro la nostra Comunità. Occorre non dare nulla per scontato e ricostruire un fronte democratico e civico il più vasto possibile, capace di superare i limiti della ‘politica tradizionale’ anche utilizzando gli strumenti di partecipazione e selezione diretta dell’offerta politica e elettorale. Alle giuste preoccupazioni, al disagio e alle difficoltà che tanti vivono vanno date le risposte giuste, non nascondendosi dietro formule e logiche burocratiche. Pena che siano le risposte sbagliate ad aver successo!”

E concludono:Cinque anni sono un’era geologica in politica, anche qui a Sesto. Non possiamo restare fossilizzati a visioni e metodi che non rispondono più alle esigenze della nostra quotidianità e alle aspettative di futuro. Per questo l’Assemblea è solo un primo momento, rivolto a tutti, al quale vogliamo far seguire molto altro ancora, dando vita, con chi davvero ha a cuore il futuro democratico della nostra città, ad un grande ‘cantiere’ in cui gettare le fondamenta della Sesto di domani”. All’Assemblea hanno già dato la loro adesione numerose realtà del volontariato e dell’impegno sociale e civico cittadino. Mentre il segretario Pd Esposito mette le mani avanti: “Per le alleanze, non chiedeteci primarie, il nostro candidato è Monica Chittò“.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s