Sesto / Il consigliere Cremonesi (M5S): “Nel gruppo cittadino non c’è democrazia, occorre trovare una soluzione”

Da Matteo Cremonesi, consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle – Sesto San GioVanni riceviamo e pubblichiamo:

Ci sono persone che me lo stanno chiedendo a gran voce quindi continuerò a combattere questa battaglia contro la forte mancanza di democrazia interna che c’è nel gruppo del M5S di Sesto San Giovanni.

Dopo che ho dichiarato che o si sistemano le questioni e si torna a collaborare per il bene della città oppure siamo anche disposti a costituire una seconda lista a 5 stelle per partecipare alle prossime elezioni, mi sento di affermare che le risposte da dare alla cittadinanza possono essere solamente due: affermativa o negativa.

La risposta affermativa vuol dire fare un passo indietro e ritornare a collaborare. Vuol dire anche risistemare immediatamente tutta l’organizzazione e offrire una proposta politica alla cittadinanza, ma non sono, vuol dire anche smetterla di fare opposizione e contestazione senza arrivare a nulla. Vuol dire impegnarsi.

La risposta negativa implica che non c’è la volontà politica di portare avanti un progetto 5 stelle coeso e unitario a Sesto San Giovanni quindi, viene facile pensare che presenteremo una seconda lista.

Queste persone devono smetterla di pensare che tanto, alle prossime elezioni amministrative, arriveranno un 10-15% di voti sulla scia del nazionale quindi possono mettere in piedi una lista elettorale senza trasparenza e un programma elettorale in pochi minuti che tanto gli elettori voteranno lo stesso il M5S perché sono scontenti dell’amministrazione attuale della città. Il M5S può veramente decollare a Sesto se queste persone mettessero da parte l’ego e le ambizioni personali.

Il progetto che stiamo portando avanti sarà inclusivo con il ritorno immediato dei gruppi di lavoro, riprenderà l’ascolto dei cittadini e le parole chiave dovranno essere partecipazione e aggregazione: si tornerà a valorizzare idee e contenuti. Non mi interessa il risultato politico delle prossime elezioni: bisogna costruire un progetto che dimostri e spieghi ai cittadini il nostro modello di amministrazione della città. 

Visto e considerato che non ho nulla da nascondere chiedo apertamente ai vertici del Movimento 5 Stelle e a tutti i Portavoce nazionali di analizzare la situazione della mancanza di democrazia e trasparenza del gruppo di Sesto San Giovanni, soprattutto i Portavoce in Parlamento dell’area milanese che conoscono le questioni.
Che la smettano con le illazioni su miei presunti cambi di coalizione, cambi di lista, cambi di partito o stupidate varie oppure con la cantilena che voglio modificare gli equilibri dell’opposizione: si vergognino di queste stupidate perché gli è stato chiesto di essere adulti e di prendersi le proprie responsabilità.
Se non hanno la volontà politica di andare avanti che se ne vadano perché siamo stufi di queste misere riunioni al bar dove non c’è un
verbale, un progetto, una votazione, nulla di nulla.

Già che ci sono, a scanso di equivoci, dichiaro pubblicamente che farò parte del M5S fino alla fine del mandato e, anzi, ne farò parte pure dopo: visto che non sono capaci di comunicare nulla alla città almeno che la smettano con le bugie e si prendano la responsabilità del vuoto politico delle loro scelte“.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s