Sesto / Da uno spacciatore di 14 anni a due bande criminali: la polizia arresta 18 trafficanti e 7 complici

Maxi operazione anti droga del commissariato della Polizia di Stato di Sesto San Giovanni. Dalle prime ore di mercoledì mattina, gli agenti stanno eseguendo ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal G.I.P. del Tribunale di Monza Dott.ssa CORBETTA, su richiesta della Procura della Repubblica di Monza nella persona del P.M. D.ssa Giulia Rizzo, nei confronti di 18 persone (9 cittadini italiani e 9 magrebini) tutte accusate a vario titolo di traffico illecito e spaccio di sostanze stupefacenti.Nei confronti di altre 7 persone (6 italiane, di cui tre donne, ed 1 magrebina) si sta eseguendo la misura degli arresti domiciliari, mentre ad 1 cittadino italiano si sta notificando l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

I provvedimenti restrittivi emessi sono frutto di un’articolata attività investigativa svolta dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sesto San Giovanni nell’ambito del contrasto al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine è iniziata nel dicembre del 2014, a seguito di riservate informazioni assunte degli agenti della squadra investigativa del Commissariato, riguardo ad un presunto spaccio di sostanze stupefacenti nel quale sarebbe stato coinvolto, quale pusher, anche un minore di circa 14 anni, figlio di una cittadina italiana e di un maghrebino. Diversi appostamenti e servizi di osservazione nel comune di Sesto San Giovanni, hanno consentito di confermare le scarne notizie inizialmente giunte agli investigatori che sono riusciti a ricostruire, in una prima fase, la rete dei fornitori del giovanissimo pusher.

In un secondo momento, attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali, l’indagine si è ampliata fino a consentire di “disegnare” la mappa di due distinti gruppi criminali i quali, benché collegati, operavano in modo autonomo sul territorio dell’hinterland milanese e brianzolo, con particolare riguardo al territorio di Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e Monza. Il primo gruppo, di origine maghrebina, si occupava prevalentemente del traffico e della rete di spaccio di cocaina e hashish nei territori di Cinisello e di Monza, mentre il secondo gruppo individuato operava prevalentemente sul territorio di Sesto. Sono stati altresì individuati diversi fornitori con basi operative e di smistamento sul territorio di Milano, in particolare in zona Giambellino e zona Navigli.

La Polizia, pertanto, ha individuato e smantellato una rete criminale che aveva livelli ben organizzati per “lavorare” in proprio: alcuni soggetti che si dedicavano prevalentemente al reperimento ed all’acquisto di sensibili quantitativi di sostanza stupefacente, altri che smistavano e “custodivano” le sostanze in basi “sicure” ed altri pusher che si occupavano dello smistamento e vendita al dettaglio ai tossicodipendenti sul territorio.

Nel corso di tutta la durata dell’indagine sono stati sequestrati diversi chili di cocaina e hashish.

© Riproduzione permessa solo citando espressamente la fonte Corriere di Sesto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s