Cinisello / Dal 2 aprile vecchie cartoline in mostra in villa Ghirlanda

Ormai superate da foto e selfie immediatamente condivisibili sui social network, le cartoline sono state per oltre un secolo uno strumento per ricostruire la storia d’Italia attraverso la testimonianza dei viaggi o le immagini dei luoghi amati degli italiani. In questo senso, la mostra “Cinisello attraverso le cartoline” vuole essere un’ulteriore occasione per esplorare e conoscere la città nella sua evoluzione dall’inizio del Novecento ad oggi.

L’esposizione sarà inaugurata sabato 2 aprile alle ore 15.30 a Villa Ghirlanda Silva, nella Sala dei Paesaggi, mentre i pannelli e gli elaborati realizzati dagli studenti saranno visitabili nelle adiacenti Quadrerie fino al 17 aprile (da martedì a domenica, dalle 15 alle 19). Contestualmente sarà, infatti, presentata anche la sesta edizione di “Forme e Modi dell’Abitare sostenibile”, il progetto educativo che si rivolge alle scuole con laboratori e percorsi sul territorio, sostenuto da Cocec – Consorzio Cooperativo Edilizio Cinisello Balsamo e coordinato dal Centro Documentazione Storica del Comune.

Le cartoline, suddivise per temi, restituiscono l’immagine stereotipata del mutamento fisico – attraverso i panorami, le piazze, fino ai nuovi quartieri della periferia urbana – ma nel contempo sono testimonianza tangibile della cultura che le ha prodotte: per la scelta “emotiva” del soggetto, o dell’inquadratura, per il gusto estetico della composizione grafica, ma anche e soprattutto per il linguaggio comune che traduce, sul retro dell’immagine, notizie, pensieri ed emozioni.

Per la realizzazione della mostra si ringrazia la preziosa collaborazione di ReGiS – Rete dei Giardini Storici, con sede a Villa Ghirlanda Silva; i volontari dell’Associazione “Amici del Pertini e di Villa Ghirlanda” e tutti coloro che hanno fornito materiali, spunti, o informazioni per la realizzazione dei pannelli. In particolare Paolo Gobbo, appassionato collezionista di cartoline, gli insegnanti e gli studenti che hanno aderito al progetto educativo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s