Città della Salute sulle ex Falck: l’assessore regionale alla sanità avanza dubbi. Il sindaco Chittò: “Maroni decida,ormai il dibattito è surreale”

Il nostro è proprio uno strano Paese: realizzare un’opera pubblica è complicatissimo, le decisioni prese non sono mai definitive, spesso per effetto anche di interessi che paiono poco trasparenti. Noi, tuttavia, proseguiamo nella nostra azione per lavorare affinché si realizzi a Sesto San Giovanni la Città della Salute e della Ricerca”. Questo il commento a caldo del sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, dopo la lettura sulla stampa di oggi delle dichiarazioni del vicepresidente della Giunta Regionale Mario Mantovani (Pdl) e la vicenda dell’arbitrato tra il gruppo Risamento e il gruppo Bizzi con la richiesta di quest’ultimo di annullare il contratto di compravendita delle ex Falck.

A Mario Mantovani, che si è chiesto se le bonifiche dureranno mesi, anni o secoli, Monica Chittò ricorda che la bonifica delle aree dismesse ha un grande valore ambientale e di sviluppo, e ricorda l’impegno del Comune – a supporto del quale chiede un analogo impegno di Regione Lombardia – nel confronto con il Ministero dell’Ambiente per rispettare i tempi previsti.

Stupisce – aggiunge Chitto’ – che a distanza di un anno dalle decisioni e dagli impegni assunti il vicesindaco di Milano chieda di rivedere scelte già fatte: le proposte milanesi per localizzare la struttura sanitaria furono l’una inadatta (Vialba, per l’innalzamento della falda acquifera e per la mancanza di collegamenti), l’altra, cioè la caserma Perruchetti, indisponibile e non bonificata. Al presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni abbiamo chiesto un incontro urgente che dia certezze a quanto stiamo facendo, che è coerente con le esigenze manifestate poche settimane fa in Commissione Sanità dal Besta e dall’Istituto dei Tumori, ponendo fine ad un dibattito surreale. Preoccupa peraltro che l’unica ipotesi che ogni tanto riaffiora sulla stampa è quella di ripensare al progetto coinvolgendo l’area del Cerba, all’interno del Parco sud e su terreni di proprietà privata di società di Ligresti, sull’orlo del fallimento. Crediamo sia un’ipotesi che vada tolta dalla discussione pubblica”.

 

Advertisements

One response to “Città della Salute sulle ex Falck: l’assessore regionale alla sanità avanza dubbi. Il sindaco Chittò: “Maroni decida,ormai il dibattito è surreale”

  1. Il sindaco parla dei problemi di Ligresti, ma neanche una parolina sull’arbitrato Bizzi/Zunino? Viene il sospetto che si voglia spostare l’attenzione….

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s